Live Cam Trans | Live Cam Ragazze | Incontra Trans | Incontra Ragazze Oggi è ven mag 24, 2019 10:39 pm

Contatta l'amministratore

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4699 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 298, 299, 300, 301, 302, 303, 304 ... 314  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: sab mar 09, 2019 1:15 am 
Non connesso
Storico dell'impulso
Storico dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 11/08/2011, 0:05
Messaggi: 14543
Sesso: Maschio
Souther082 ha scritto:
[Scopri] Spoiler:
Pamela Mastropietro, il superteste in aula: «Era viva quando Oseghale tentò di farla a pezzi»


Gli ultimi momenti di vita di Pamela, la paura, l'orrore. «Oseghale iniziò a fare a pezzi Pamela, cominciò da un piede. Ma era viva allora le diede un'altra coltellata». Le confidenze di Innocent Oseghale al supertestimone dell'accusa, ma prima l'incontro in carcere ad Ascoli, il litigio, il chiarimento: il pentito Vincenzo Marino è ascoltato in queste ore nella seconda udienza del processo davanti alla Corte di Assise di Macerata per la morte di Pamela Mastropietro in cui il nigeriano è imputato e accusato di aver ucciso e fatto a pezzi la 18enne romana.


«Mi disse che la ragazza arrivò a Macerata, ai giardini Diaz, e gli chiese un po' di eroina». Oseghale gli rispose che aveva «solo erba» ma che avrebbe potuto «farla arrivare». Oseghale chiamò un suo connazionale Desmond Lucky e «in attesa della droga la ragazza pagò il nigeriano con una collanina che le aveva regalato la madre». Questo il resoconto di Vincenzo Marino, che ha raccontato di aver raccolto le confidenze di Oseghale, quando ad Ascoli furono detenuti insieme per un breve periodo.


Un racconto dettagliato. «Sono andati a comprare una siringa e sono andati a casa, Oseghale, Desmond Lucky e la ragazza per consumare un rapporto a tre» perché «Desmond Lucky e Oseghale volevano stare con la ragazza». Oseghale «mi raccontò che la ragazza si era fatta di roba, Desmond si avvicinò per approcciarla e lei lo respinse, Desmond Lucky gli diede uno schiaffo e cadde a terra e svenne. Poi Desmond Lucky se ne andò», continua la testimonianza in aula.

«Desmond Lucky se ne andò, Oseghale tentò di rianimarla con acqua sulla faccia per farla riprendere, lei si riprese. Oseghale l'ha spogliata, era sveglia ma aveva gli occhi girati all'insù» e «hanno avuto un rapporto sessuale completo». Poi continua Marino la «ragazza voleva andare via, a casa, a Roma perché aveva il treno, disse che sennò l'avrebbe denunciato. I due ebbero una colluttazione, si sono spinti, poi Oseghale le diede una coltellata all'altezza del fegato e Pamela cadde a terra».

Pensando che dopo aver accoltellato Pamela Mastropietro, la ragazza fosse morta, Innocent Oseghale mi raccontò che andò ai giardini Diaz per chiedere, invano, l'aiuto a un connazionale poi «tornò a casa, convinto che la ragazza fosse morta e la squartò iniziando dal piede. La ragazza iniziò a muoversi e lamentarsi e allora lei diede una seconda coltellata». Alla domanda se Oseghale fece tutto da solo, il supertestimone risponde: «Il nigeriano non mi fece il nome di nessuno».

E ancora: «Mi raccontò che dopo averla fatta a pezzi l'aveva lavata con la varechina perché così non si sarebbe saputo se era morta di overdose o assassinata»; «disse che aveva un sacco in frigo dove mettere i pezzi, ma che non ci andavano e che l'ha dovuta tagliare e l'ha messa in due valigie». Quindi chiamò un taxi, ma mentre era in auto «la moglie lo chiamava ed è andato nel panico», ha proseguito il pentito aggiungendo che Oseghale gli confidò pure che «era referente della mafia nigeriana».

Marino ha raccontato anche il loro incontro e la lite iniziale spiegando che lui e Oseghale erano detenuti a circa quattro metri di distanza. «L'otto luglio uscii dalla mia cella e vidi Oseghale di fronte alla sua cella. Gli dissi - racconta il pentito - Cornuto, pezzo di m…., che facesti?». In carcere «lo chiamavano macellaio, gli ho lanciato una bottiglia». Poi, ha continuato il pentito, fummo divisi e secondo la sua ricostruzione fu stabilito per loro due il divieto di incontro, ma, nonostante ciò, continuarono a incontrarsi. Un altro detenuto, giorni dopo, «venne a dirmi che Oseghale voleva chiarirsi, che si voleva riappacificare», ha continuato il teste spiegando che il nigeriano «parlava italiano». «Mi chiamava zio», ha aggiunto spiegando che in carcere «zio è una persona che merita rispetto nei confronti di altri detenuti».
Un racconto ritenuto «inattendibile» dall'avvocato Simone Matraxia, uno dei legali di Oseghale ma «fondamentale» dal legale della famiglia e zio di Pamela, Marco Valerio Verni. Un racconto per altro smentito da un altro dei testimoni sentiti oggi, compagno di cella di Oseghale: «mi disse che aveva fatto a pezzi Pamela ma che non l'aveva uccisa». L'ex compagno di cella di Oseghale, Stefano Giardini, ha anche lui deposto in aula, parlando di un rapporto sessuale «consenziente» in cambio dell'aiuto a trovare una dose di eroina e la morte dopo l'iniezione di stupefacente «per overdose»: così avrebbe avrebbe raccontato Innocent Oseghale, imputato nel processo davanti alla Corte di assise di Macerata per la morte di Pamela Mastropietro, a Giardini. «Lui ha sempre negato le coltellate, lui ha detto che l'ha solo vivisezionata. Ha sempre negato di averla uccisa» e «disse che questa cosa l'ha fatta da solo», ha affermato il detenuto che divideva la cella con Oseghale ad Ascoli. «Inizialmente diede una versione che non considerammo molto veritiera», ha raccontato l'ex compagno di cella ricostruendo i primi rapporti tra gli altri detenuti e Oseghale. « Poi conoscendoci meglio si aprì e la modificò. Inizialmente disse che non aveva in nessun modo partecipato» al delitto, «attribuendo responsabilità ad altri nigeriani», ha continuato Giardini mentre poi Oseghale «disse che voleva dirci la verità».
Anche secondo questa seconda versione raccontata dall'ex compagno di cella, l'incontro tra Pamela e Oseghale avvenne ai giardini Diaz: mentre aspettava un cliente per vendergli marijuana, Oseghale «è stato avvicinato da questa ragazza, che non conosceva e gli ha chiesto di accendere una sigaretta; poi gli ha chiesto se poteva procurarle una dose di eroina», ha detto l'ex compagno di cella riferendo il racconto che gli avrebbe fatto Oseghale. Quest'ultimo, secondo la ricostruzione del detenuto, vendeva solo marijuana ma si propose di «aiutarla a trovare qualcuno» e in cambio di questo aiuto ci fu «un rapporto sessuale» con Pamela. «Oseghale fece un paio di telefonate, chiamò un suo amico che gli disse che era fuori zona e di rivolgersi a Lucky che si rese disponibile, confermò di avere la dose e si diedero appuntamento a un campo di calcio - ha riferito il teste in aula - A quel punto Oseghale e la ragazza si appartarono sotto un ponte ed ebbero un rapporto sessuale».
Successivamente, dopo l'incontro con Lucky e lo scambio di droga, ha riferito Giardini, Oseghale gli raccontò che fu Pamela a chiedergli di poter andare a casa sua in attesa dell'orario del treno per tornare a Roma e che si fermarono a un supermercato e poi a comprare una siringa. Nella casa di via Spalato poi, secondo quanto riferito dall'ex compagno di cella del nigeriano, Pamela si iniettò la dose di droga: «Oseghale disse che era abbastanza allegra all'inizio, poi sentì un tonfo: era caduta al suolo». La ragazza «respirava ma stava in una specie di catalessi, sembrava svenuta. Nel frattempo il nigeriano raccontò di aver ricevuto la chiamata di un cliente» di essere uscito e di essere rientrato a casa nel giro di «tre ore» trovando Pamela «apparentemente morta». A quel punto maturò la decisione di «sezionare il corpo».

«Sembrava più preoccupato che la compagna venisse a conoscenza dell'atto sessuale» che del resto ha aggiunto Giardini. Dopo la morte di Pamela nella casa di via Spalato, ha riferito l'ex compagno di cella di Oseghale, il nigeriano «entrò nel panico perché l'indomani doveva tornare a casa della compagna, che era ospite di una comunità e non sapeva come cancellare le tracce di questo suo tradimento. Per lui il tradimento era il problema», ha continuato raccontando le presunte confidenze dell'imputato. «Io escluderei» ha precisato che abbia fatto confidenze al pentito Vincenzo Marino «e penso che se avesse dovuto fare una confidenza l'avrebbe fatta a me». L'ex compagno di cella è stato ascoltato anche in merito ai rapporti tra Oseghale e Marino, supertestimone dell'accusa. Giardini ha anche riferito di essersi fatto promotore di un «memoriale» di Oseghale dove si racconta la versione raccontata allo stesso teste secondo cui il nigeriano non avrebbe ucciso Pamela, che sarebbe invece morta per droga. L'ex compagno di cella ha spiegato di aver anche pensato a scrivere un libro sulla vicenda. Un libro nel quale avrebbe potuto usare i contenuti del memoriale, in inglese e italiano, di Oseghale.

Ad assistere ancora una volta a questo lungo film dell'orrore, con una maglietta con la foto di Pamela e una catenina al collo con il nome della figlia, Alessandra Verni, la mamma della 18enne romana fatta a pezzi a Macerata poco più di un anno fa. Le confidenze choc al pentito di 'ndrangheta Vincenzo Marino, quelle del compagno di cella. Occhi lucidi, accanto al fratello Marco Valerio, che è anche il suo legale, la mamma della 18enne ha ascoltato attentamente la testimonianza del collaboratore di giustizia. A pochi metri Innocent Oseghale, che sfugge lo sguardo della mamma della ragazza e, come già nella precedente udienza, guarda altrove per evitare di incrociare il suo sguardo.

E intanto presso la Procura della Repubblica di Macerata è pendente una querela contro i due automobilisti incontrati da Pamela Mastropietro dopo che si era allontanata dalla comunità Pars il 29 gennaio con l'accusa di violenza sessuale nei confronti di una persona in stato di incapacità mentale. Lo ha reso noto il pm Stefania Ciccioli durante l'udienza in Corte d'Assise del processo a carico di Innocent Oseghale, accusato di avere ucciso la ragazza e di averne fatto a pezzi il corpo. Il primo incontrò Pamela subito dopo l'uscita dalla comunità di Corridonia e l'accompagnò alla stazione ferroviaria di Piediripa, con il secondo la 18enne romana trascorse la notte e si fece lasciare la mattina del 30 gennaio alla stazione ferroviaria di Macerata. Secondo il legale della famiglia e zio della ragazza Marco Verni, il reato è comunque perseguibile d'ufficio.



Immagine


Immagine


Immagine


Immagine


https://www.ilmessaggero.it/roma/news/p ... 43476.html

Mah, io ho sentito anche la versione di altri detenuti che non credono alla versione di questo elemento ma che lo accusano di dire quello che serve per avere uno sconto di pena. Non ho approfondito ma la testimonianza sembra proprio cucita a pennello.

_________________
Dòni, sa tirìa e cul indrìa, la capela la'n va avantei / Donne, se tirate il culo indietro, la cappella non va avanti. BITLIS
Quando la fatica supera il gusto e ora di lasciar perdere la Patacca e attaccarsi al lambrusco. Giacobazzi


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: sab mar 09, 2019 1:50 am 
Non connesso
Storico dell'impulso
Storico dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 31/12/2013, 22:29
Messaggi: 5355
Località: nella mia tana
Sesso: Nessuno
BANBAN
@ gargarozzo

boh io non conosco tutti i motivi e le situazioni per cui quasi tutte le forumiste se ne sono andate...quindi magari alcuni hanno semplicemente trovato dal loro punto di vista di meglio o un ambiente piu gradevole/divertente ecc....

ma imho nel caso qualche forumista sene sia andata perche durante un confronto dal altra parte invece di argomentare hanno cercato di uscirsene( e magari anche come scusa per per sfogarsi con una ipotetica donna virtuale il loro rancore) con robe sessiste e maleducate....beh in quel caso...secondo me e colpa del forumista maleducato sessista rancoroso scortese ecc....se la ipotetica forumista se ne andata altrove perche magari non riteneva opurtuno dagli importanza o rispondere o semplicemente per lei non ne valeva la pena o non ne aveva voglia ....

imho non e che i noi maschietti possiamo essere come vogliamo e pretendere sempre e cmq rispetto da tutti e tutte....e invece le femminucce o sono super femine cazzutissime intelligentissime eticissime moralissime ecc....oppure niente....

_________________
__________
Uno scorpione vuole attraversare un fiume, ma non sa nuotare. Chiede a una rana di traghettarlo. La rana non si fida, ma lo scorpione la rassicura: “se ti pungessi annegherei”. La rana generosamente accetta, ma a metà percorso lo scorpione la colpisce con il suo aculeo velenoso. La rana, disperata e morente, gli chiede “Perché?”. Lo scorpione, prima di morire annegato, risponde “È la mia natura” ( favola)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: sab mar 09, 2019 1:55 am 
Non connesso
Storico dell'impulso
Storico dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 31/12/2013, 22:29
Messaggi: 5355
Località: nella mia tana
Sesso: Nessuno
BANBAN
SoTTO di nove ha scritto:
Souther082 ha scritto:
[Scopri] Spoiler:
Pamela Mastropietro, il superteste in aula: «Era viva quando Oseghale tentò di farla a pezzi»


Gli ultimi momenti di vita di Pamela, la paura, l'orrore. «Oseghale iniziò a fare a pezzi Pamela, cominciò da un piede. Ma era viva allora le diede un'altra coltellata». Le confidenze di Innocent Oseghale al supertestimone dell'accusa, ma prima l'incontro in carcere ad Ascoli, il litigio, il chiarimento: il pentito Vincenzo Marino è ascoltato in queste ore nella seconda udienza del processo davanti alla Corte di Assise di Macerata per la morte di Pamela Mastropietro in cui il nigeriano è imputato e accusato di aver ucciso e fatto a pezzi la 18enne romana.


«Mi disse che la ragazza arrivò a Macerata, ai giardini Diaz, e gli chiese un po' di eroina». Oseghale gli rispose che aveva «solo erba» ma che avrebbe potuto «farla arrivare». Oseghale chiamò un suo connazionale Desmond Lucky e «in attesa della droga la ragazza pagò il nigeriano con una collanina che le aveva regalato la madre». Questo il resoconto di Vincenzo Marino, che ha raccontato di aver raccolto le confidenze di Oseghale, quando ad Ascoli furono detenuti insieme per un breve periodo.


Un racconto dettagliato. «Sono andati a comprare una siringa e sono andati a casa, Oseghale, Desmond Lucky e la ragazza per consumare un rapporto a tre» perché «Desmond Lucky e Oseghale volevano stare con la ragazza». Oseghale «mi raccontò che la ragazza si era fatta di roba, Desmond si avvicinò per approcciarla e lei lo respinse, Desmond Lucky gli diede uno schiaffo e cadde a terra e svenne. Poi Desmond Lucky se ne andò», continua la testimonianza in aula.

«Desmond Lucky se ne andò, Oseghale tentò di rianimarla con acqua sulla faccia per farla riprendere, lei si riprese. Oseghale l'ha spogliata, era sveglia ma aveva gli occhi girati all'insù» e «hanno avuto un rapporto sessuale completo». Poi continua Marino la «ragazza voleva andare via, a casa, a Roma perché aveva il treno, disse che sennò l'avrebbe denunciato. I due ebbero una colluttazione, si sono spinti, poi Oseghale le diede una coltellata all'altezza del fegato e Pamela cadde a terra».

Pensando che dopo aver accoltellato Pamela Mastropietro, la ragazza fosse morta, Innocent Oseghale mi raccontò che andò ai giardini Diaz per chiedere, invano, l'aiuto a un connazionale poi «tornò a casa, convinto che la ragazza fosse morta e la squartò iniziando dal piede. La ragazza iniziò a muoversi e lamentarsi e allora lei diede una seconda coltellata». Alla domanda se Oseghale fece tutto da solo, il supertestimone risponde: «Il nigeriano non mi fece il nome di nessuno».

E ancora: «Mi raccontò che dopo averla fatta a pezzi l'aveva lavata con la varechina perché così non si sarebbe saputo se era morta di overdose o assassinata»; «disse che aveva un sacco in frigo dove mettere i pezzi, ma che non ci andavano e che l'ha dovuta tagliare e l'ha messa in due valigie». Quindi chiamò un taxi, ma mentre era in auto «la moglie lo chiamava ed è andato nel panico», ha proseguito il pentito aggiungendo che Oseghale gli confidò pure che «era referente della mafia nigeriana».

Marino ha raccontato anche il loro incontro e la lite iniziale spiegando che lui e Oseghale erano detenuti a circa quattro metri di distanza. «L'otto luglio uscii dalla mia cella e vidi Oseghale di fronte alla sua cella. Gli dissi - racconta il pentito - Cornuto, pezzo di m…., che facesti?». In carcere «lo chiamavano macellaio, gli ho lanciato una bottiglia». Poi, ha continuato il pentito, fummo divisi e secondo la sua ricostruzione fu stabilito per loro due il divieto di incontro, ma, nonostante ciò, continuarono a incontrarsi. Un altro detenuto, giorni dopo, «venne a dirmi che Oseghale voleva chiarirsi, che si voleva riappacificare», ha continuato il teste spiegando che il nigeriano «parlava italiano». «Mi chiamava zio», ha aggiunto spiegando che in carcere «zio è una persona che merita rispetto nei confronti di altri detenuti».
Un racconto ritenuto «inattendibile» dall'avvocato Simone Matraxia, uno dei legali di Oseghale ma «fondamentale» dal legale della famiglia e zio di Pamela, Marco Valerio Verni. Un racconto per altro smentito da un altro dei testimoni sentiti oggi, compagno di cella di Oseghale: «mi disse che aveva fatto a pezzi Pamela ma che non l'aveva uccisa». L'ex compagno di cella di Oseghale, Stefano Giardini, ha anche lui deposto in aula, parlando di un rapporto sessuale «consenziente» in cambio dell'aiuto a trovare una dose di eroina e la morte dopo l'iniezione di stupefacente «per overdose»: così avrebbe avrebbe raccontato Innocent Oseghale, imputato nel processo davanti alla Corte di assise di Macerata per la morte di Pamela Mastropietro, a Giardini. «Lui ha sempre negato le coltellate, lui ha detto che l'ha solo vivisezionata. Ha sempre negato di averla uccisa» e «disse che questa cosa l'ha fatta da solo», ha affermato il detenuto che divideva la cella con Oseghale ad Ascoli. «Inizialmente diede una versione che non considerammo molto veritiera», ha raccontato l'ex compagno di cella ricostruendo i primi rapporti tra gli altri detenuti e Oseghale. « Poi conoscendoci meglio si aprì e la modificò. Inizialmente disse che non aveva in nessun modo partecipato» al delitto, «attribuendo responsabilità ad altri nigeriani», ha continuato Giardini mentre poi Oseghale «disse che voleva dirci la verità».
Anche secondo questa seconda versione raccontata dall'ex compagno di cella, l'incontro tra Pamela e Oseghale avvenne ai giardini Diaz: mentre aspettava un cliente per vendergli marijuana, Oseghale «è stato avvicinato da questa ragazza, che non conosceva e gli ha chiesto di accendere una sigaretta; poi gli ha chiesto se poteva procurarle una dose di eroina», ha detto l'ex compagno di cella riferendo il racconto che gli avrebbe fatto Oseghale. Quest'ultimo, secondo la ricostruzione del detenuto, vendeva solo marijuana ma si propose di «aiutarla a trovare qualcuno» e in cambio di questo aiuto ci fu «un rapporto sessuale» con Pamela. «Oseghale fece un paio di telefonate, chiamò un suo amico che gli disse che era fuori zona e di rivolgersi a Lucky che si rese disponibile, confermò di avere la dose e si diedero appuntamento a un campo di calcio - ha riferito il teste in aula - A quel punto Oseghale e la ragazza si appartarono sotto un ponte ed ebbero un rapporto sessuale».
Successivamente, dopo l'incontro con Lucky e lo scambio di droga, ha riferito Giardini, Oseghale gli raccontò che fu Pamela a chiedergli di poter andare a casa sua in attesa dell'orario del treno per tornare a Roma e che si fermarono a un supermercato e poi a comprare una siringa. Nella casa di via Spalato poi, secondo quanto riferito dall'ex compagno di cella del nigeriano, Pamela si iniettò la dose di droga: «Oseghale disse che era abbastanza allegra all'inizio, poi sentì un tonfo: era caduta al suolo». La ragazza «respirava ma stava in una specie di catalessi, sembrava svenuta. Nel frattempo il nigeriano raccontò di aver ricevuto la chiamata di un cliente» di essere uscito e di essere rientrato a casa nel giro di «tre ore» trovando Pamela «apparentemente morta». A quel punto maturò la decisione di «sezionare il corpo».

«Sembrava più preoccupato che la compagna venisse a conoscenza dell'atto sessuale» che del resto ha aggiunto Giardini. Dopo la morte di Pamela nella casa di via Spalato, ha riferito l'ex compagno di cella di Oseghale, il nigeriano «entrò nel panico perché l'indomani doveva tornare a casa della compagna, che era ospite di una comunità e non sapeva come cancellare le tracce di questo suo tradimento. Per lui il tradimento era il problema», ha continuato raccontando le presunte confidenze dell'imputato. «Io escluderei» ha precisato che abbia fatto confidenze al pentito Vincenzo Marino «e penso che se avesse dovuto fare una confidenza l'avrebbe fatta a me». L'ex compagno di cella è stato ascoltato anche in merito ai rapporti tra Oseghale e Marino, supertestimone dell'accusa. Giardini ha anche riferito di essersi fatto promotore di un «memoriale» di Oseghale dove si racconta la versione raccontata allo stesso teste secondo cui il nigeriano non avrebbe ucciso Pamela, che sarebbe invece morta per droga. L'ex compagno di cella ha spiegato di aver anche pensato a scrivere un libro sulla vicenda. Un libro nel quale avrebbe potuto usare i contenuti del memoriale, in inglese e italiano, di Oseghale.

Ad assistere ancora una volta a questo lungo film dell'orrore, con una maglietta con la foto di Pamela e una catenina al collo con il nome della figlia, Alessandra Verni, la mamma della 18enne romana fatta a pezzi a Macerata poco più di un anno fa. Le confidenze choc al pentito di 'ndrangheta Vincenzo Marino, quelle del compagno di cella. Occhi lucidi, accanto al fratello Marco Valerio, che è anche il suo legale, la mamma della 18enne ha ascoltato attentamente la testimonianza del collaboratore di giustizia. A pochi metri Innocent Oseghale, che sfugge lo sguardo della mamma della ragazza e, come già nella precedente udienza, guarda altrove per evitare di incrociare il suo sguardo.

E intanto presso la Procura della Repubblica di Macerata è pendente una querela contro i due automobilisti incontrati da Pamela Mastropietro dopo che si era allontanata dalla comunità Pars il 29 gennaio con l'accusa di violenza sessuale nei confronti di una persona in stato di incapacità mentale. Lo ha reso noto il pm Stefania Ciccioli durante l'udienza in Corte d'Assise del processo a carico di Innocent Oseghale, accusato di avere ucciso la ragazza e di averne fatto a pezzi il corpo. Il primo incontrò Pamela subito dopo l'uscita dalla comunità di Corridonia e l'accompagnò alla stazione ferroviaria di Piediripa, con il secondo la 18enne romana trascorse la notte e si fece lasciare la mattina del 30 gennaio alla stazione ferroviaria di Macerata. Secondo il legale della famiglia e zio della ragazza Marco Verni, il reato è comunque perseguibile d'ufficio.



Immagine


Immagine


Immagine


Immagine


https://www.ilmessaggero.it/roma/news/p ... 43476.html

Mah, io ho sentito anche la versione di altri detenuti che non credono alla versione di questo elemento ma che lo accusano di dire quello che serve per avere uno sconto di pena. Non ho approfondito ma la testimonianza sembra proprio cucita a pennello.



e certo lui cosi come anche l'altro detenuto citato nel articolo che avevo postato...cosi come altri non e che so santerelli.... :DDD

purtroppo in questa vicenda alcune robe molto tristi e disgustose restano oggettive.

per il resto Valla a sapere la verità....

_________________
__________
Uno scorpione vuole attraversare un fiume, ma non sa nuotare. Chiede a una rana di traghettarlo. La rana non si fida, ma lo scorpione la rassicura: “se ti pungessi annegherei”. La rana generosamente accetta, ma a metà percorso lo scorpione la colpisce con il suo aculeo velenoso. La rana, disperata e morente, gli chiede “Perché?”. Lo scorpione, prima di morire annegato, risponde “È la mia natura” ( favola)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: sab mar 09, 2019 2:03 am 
Non connesso
Storico dell'impulso
Storico dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 20/06/2002, 1:00
Messaggi: 51651
Località: Porn Valley, Utopiae Insula
Sesso: Maschio
dev'essere un leghista, si è accanito su altri neri

Cita:
Un cittadino libico ha accoltellato i passanti alla Stazione Centrale di Milano
Per gli inquirenti non si tratta di un episodio legato al terrorismo. Feriti due migranti: un ivoriano di 31 anni e un gambiano di 20.

Un cittadino libico di 33 anni è stato arrestato dai carabinieri per lesioni dopo aver ferito a coltellate due passanti, un migrante ivoriano di 31 anni e uno gambiano di 20, aggrediti a caso nella Galleria delle Carrozze della Stazione Centrale di Milano. Per gli inquirenti non si tratta di un episodio legato al terrorismo. Ecco cosa sappiamo finora.
Poco prima delle 7 di venerdì 8 marzo il cittadino libico è entrato in un ristorante dove due dipendenti si stavano cambiando nello spogliatoio. Le due, una volta uscite, hanno dato l'allarme alla guardia giurata e l'uomo si è allontanato dopo aver preso un coltello dalla cucina. Cinque minuti dopo è tornato nella zona della stazione e ha cominciato ad aggredire i passanti senza motivo. Ha colpito prima alla spalla il migrante gambiano mentre prelevava a un bancomat. Poi ha ferito l'ivoriano alle mani, causandogli lesioni ai tendini giudicate guaribili in 50 giorni. Durante la colluttazione ha perso il coltello e subito dopo è stato bloccato dai carabinieri e dai vigilantes.

_________________
"Questo vigliacco con il brutto viso coperto dai capelli spioventi ha approfittato di una zona malfida per intrappolare i nostri."


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: sab mar 09, 2019 2:20 am 
Non connesso
Storico dell'impulso
Storico dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 31/12/2013, 22:29
Messaggi: 5355
Località: nella mia tana
Sesso: Nessuno
BANBAN
ma anche lui come le recenti e numerose aggressioni a sfondo razziale ultimamente a gridato sporco negro tornatene a casa tua qui sono a casa mia e faccio quello che voglio....Bang!

:DDD

_________________
__________
Uno scorpione vuole attraversare un fiume, ma non sa nuotare. Chiede a una rana di traghettarlo. La rana non si fida, ma lo scorpione la rassicura: “se ti pungessi annegherei”. La rana generosamente accetta, ma a metà percorso lo scorpione la colpisce con il suo aculeo velenoso. La rana, disperata e morente, gli chiede “Perché?”. Lo scorpione, prima di morire annegato, risponde “È la mia natura” ( favola)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: sab mar 09, 2019 10:51 am 
Non connesso
Storico dell'impulso
Storico dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 25/03/2007, 10:24
Messaggi: 39064
Località: Milano
Sesso: Maschio
https://corrieredelveneto.corriere.it/v ... bc44.shtml

venetista e già appartenente ai forconi.... sbaglio o non c'è stato nessun tweet di Salvini ?

_________________
La vita è una lunga preparazione per qualcosa che non succede mai (Yeats)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: sab mar 09, 2019 11:49 am 
Non connesso
Veterano dell'impulso
Veterano dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 02/04/2006, 19:37
Messaggi: 3632
Località: pordenone
Sesso: Maschio
Italiani razzisti

_________________
le donnre amarle tutte, ma non sposarne nessuna


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: sab mar 09, 2019 1:15 pm 
Non connesso
Veterano dell'impulso
Veterano dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 21/11/2016, 6:09
Messaggi: 4137
Località: piemonte
Sesso: Maschio
poi la chiudo qua, casomai se ne parli altrove e non accostando casi di delitti alla "mancanza di figa" :blankstare:

Souther082 ha scritto:
boh io non conosco tutti i motivi e le situazioni


appunto, ma poi i casi di palese sessismo e maleducazione ingiustificata li ho sempre visti sedati con puntualità.
Va da sè che ognuno ha un suo grado di suscettibilità o sensibilità, ma andarsene perché un coglione sbrocca è uno stereotipo che andrebbe anche superato. (Non faccio volutamente nomi, ma quelli che sbroccano in un certo modo sono generalmente gli stessi, ed oltre a fare compassione hanno il solo risultato di autoescludersi in un angolo di idiozia).
Al di là che ognuno ed ognuna ha la libertà di stare in un posto finché gli/le piace, la critica costruttiva secondo me non è tanto da fare sull'offensività/maleducazione, ma sulla capacità di produrre argomenti interessanti e sulla creatività.
La gente (donne e uomini) se ne va perché si spacca le balle; o perché hanno di meglio da fare.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: sab mar 09, 2019 11:53 pm 
Non connesso
Storico dell'impulso
Storico dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 18/12/2001, 1:00
Messaggi: 15639
Sesso: Maschio
Anche le ripetizioni pare servano

Un'insegnante privata è indagata per violenza sessuale per aver avuto rapporti con un allievo di 14 anni che frequenta la scuola media. La professoressa, quarantenne, è anche rimasta incinta e nei mesi scorsi è nato un bambino. La Procura di Prato sta facendo tutti gli accertamenti dopo una querela dei genitori del ragazzo, che conosceva l'insegnante dalla quale andava a ripetizioni private, secondo quanto riporta la Nazione. All'epoca dei fatti, si apprende, il ragazzino aveva tredici anni.


La docente ha avuto un figlio e le verifiche della Procura potrebbero indirizzarsi quindi anche sulla paternità del piccolo. Nei giorni scorsi si sono svolte delle perquisizioni a casa della professoressa. Il caso è particolarmente delicato e si cercano di acquisire più elementi possibili per avere un quadro il più chiaro possibile della vicenda. Le indagini vengono svolte dalla squadra mobile. La Procura ha chiesto il massimo riserbo.
Immagine

_________________
MAKE SHIT GREAT AGAIN

Baalkaan hai la machina targata Sassari?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: dom mar 10, 2019 7:27 pm 
Non connesso
Impulsi superiori
Impulsi superiori
Avatar utente

Iscritto il: 10/11/2007, 22:39
Messaggi: 1571
Località: Italia
Sesso: Maschio
- La vittima era troppo brutta per essere stuprata: assolti.

http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/ldquo-sembra-maschio-impossibile-che-sia-stata-stuprata-rdquo-197817.htm


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: lun mar 11, 2019 1:42 am 
Non connesso
Storico dell'impulso
Storico dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 18/12/2001, 1:00
Messaggi: 15639
Sesso: Maschio
Marion – Un uomo negli Usa si è puntato una pistola all’altezza della cintura e si è sparato nelle parti intime.

E’ successo a Marion, nell’Indiana, giovedì scorso quando il 46enne Mark Anthony Jones si è sparato ai genitali.

L’uomo aveva una pistola da 9mm attaccata alla cintura. Alla polizia il 46enne ha raccontato di essersi abbassato per regolarla e, inavvertitamente, ha fatto partire il proiettile che è entrato nelle parti intime.

Mark Anthony Jones è stato portato al Marion general hospital dove si sono presentati anche gli agenti per prendere atto della sua relazione sull’accidentale sparatoria. Gli agenti hanno così appurato che l’uomo non aveva il porto d’armi.

_________________
MAKE SHIT GREAT AGAIN

Baalkaan hai la machina targata Sassari?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: lun mar 11, 2019 12:43 pm 
Non connesso
Veterano dell'impulso
Veterano dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 02/04/2006, 19:37
Messaggi: 3632
Località: pordenone
Sesso: Maschio
Donna viene lasciata. .. Fa uccidere il compagno poi murato. Come nel film profondo rosso

_________________
le donnre amarle tutte, ma non sposarne nessuna


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: mar mar 12, 2019 10:35 am 
Non connesso
Impulsi superiori
Impulsi superiori
Avatar utente

Iscritto il: 10/11/2007, 22:39
Messaggi: 1571
Località: Italia
Sesso: Maschio
Ragazza bresciana uccisa a Manchester.
Immagine


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: mar mar 12, 2019 10:40 am 
Non connesso
Storico dell'impulso
Storico dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 17/01/2013, 19:40
Messaggi: 11006
Località: Shayol Ghul
Sesso: Maschio
Ti ricevo forte e chiaro

Immagine

Cazzo almeno provaci

_________________
An idle mind is the devil's playground
"Nel lungo periodo saremo tutti morti" John Maynard Keynes
High and low may I go, but God only knows, just where I'm going.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: [O.T.] DELITTI
MessaggioInviato: mar mar 12, 2019 5:19 pm 
Non connesso
Storico dell'impulso
Storico dell'impulso
Avatar utente

Iscritto il: 07/02/2012, 19:27
Messaggi: 5091
Sesso: Maschio
cicciuzzo ha scritto:
https://corrieredelveneto.corriere.it/vicenza/cronaca/19_marzo_09/venezia-07-t14corriereveneto-web-veneto-0842fbb4-423c-11e9-8e55-1a2ed012bc44.shtml

venetista e già appartenente ai forconi.... sbaglio o non c'è stato nessun tweet di Salvini ?

e quindi hai pensato bene di dire qualcosa di intelligente tu...

_________________
c è sempre tanta musica nell' aria

Mieulx est de ris que de larmes escrire
Pour ce que rire est le propre de l'homme.


a cup of tea would restore my normality

“Non vi è alcuna strada che porta alla pace: la pace è la via”


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4699 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 298, 299, 300, 301, 302, 303, 304 ... 314  Prossimo

Contatta l'amministratore

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Dogbert, Majestic-12 [Bot], Parakarro, theinvoker e 63 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010